Ristrutturare casa: quando rischi di non vedere la luce in fondo al tunnel!

Ristrutturare casa: quando rischi di non vedere la luce in fondo al tunnel!

Ristrutturare casa: quando rischi di non vedere la luce in fondo al tunnel!

Il mercato delle ristrutturazioni nel nostro paese è assolutamente dominato dalla presenza delle imprese, che nella maggior parte della casistica, tutte le fasi di una ristrutturazione sono gestite completamente da loro, generalmente facendosi proprio il ruolo del General Contractor, servizi chiavi in mano. Ma questo non è assolutamente “onesto” ne tanto meno corretto nei confronti di realtà nate e concepite per questa specifica operatività sia in termini di organizzazione programmazione lavori, professionalità coinvolte, per la quale viene legalmente registrata anche nella visura camerale della Camere di Commercio.

Di solito sono loro ad essere contattate dalla maggior parte dei committenti interessati dalla ristrutturazione e sono loro che tentano (e spesso ci riescono) di fornire quello che nel gergo comune viene definito pacchetto completo: progettazione, pratiche edilizie, esecuzione. Cioè il messaggio che passa comunemente è: “Tu non devi preoccuparti di nulla”.

In realtà c’è anche un’altra categoria di imprese (la maggior parte purtroppo), che sorvolando ogni interesse del committente e qualsiasi legislazione vigente, consigliano sempre e invariabilmente di non presentare nessuna pratica edilizia, vista l’inutilità o magari perché durante i lavori “si sposta solo un muro”. Il che è pura follia! Le leggi esistono e vanno rispettate, pena sanzioni e multe salate.

Le conseguenze potranno essere molto onerose sia per lo spreco di denaro che per lavori fatti male e infiniti problemi dopo la fine dei lavori e la consegna del vostro immobile.

Il classico cliente medio che, intenzionato a ristrutturare il suo immobile, si affida direttamente all’impresa è sempre convinto più che mai che sia questo il modo corretto di agire, pensando che affidando i lavori a codesta, si possa risparmiare del denaro sia in fase di esecuzione dei lavori che con le forniture di basso costo, aggiungendo magari l’aspetto non poco importante di non voler “pagare” un tecnico responsabile per la direzione tecnica del suo cantiere, al fine di garantirgli una regolare e soddisfacente esecuzione delle opere.

Uno dei grossi problemi del comparto edile italiano specializzato in ristrutturazione di interni è che, a fronte di pochissime imprese ben strutturate e solide che sono in grado di offrire realmente un servizio completo, ci sono una miriade di piccole imprese che, se non controllate scrupolosamente, offrono un servizio mediocre con cui curano esclusivamente i propri interessi e di certo non quelli dei clienti.

Talvolta la maggior parte delle imprese ha i seguenti problemi:

  • Vecchia mentalità imprenditoriale, per le quali l’interfaccia non è un tecnico professionista ma un operaio / muratore che si traveste da competente!
  • Nessun aggiornamento tecnico e normativo per disinteresse, mancanza di tempo disponibile e volontà di innovarsi;
  • Margini ridotti di guadagno, perché pur di prendersi il lavoro ti presentano un preventivo stracciato a basso costo (impossibile da realizzare);
  • Mancanza di struttura interna: di solito il titolare fa tutto;
  • Non conoscono il grande tema delle detrazioni fiscali legate alla ristrutturazione edilizia e al risparmio energetico;
  • Non conoscono e non hanno la competenza del settore delle certificazioni e dichiarazioni di conformità degli impianti;
  • Non sanno che una volta terminati i lavori, se ci son state modifiche interne all’unità immobiliare, è necessario e richiesto, presentare la documentazione al Catasto per la conseguente variazione;
  • Non sanno che il mondo si evolve con progresso e tecnologia e le case non sono più costruite in modalità “preistorica”;
  • Non sanno che esiste l’ASL per la notifica preliminare, e il piano di sicurezza per il cantiere e la salvaguardia della salute e sicurezza dei lavoratori, nel tuo cantiere;
  • Non sanno che le norme e le leggi in materia edilizia sono il pane quotidiano per chi opera nella legalità, professionalità e competenza, a tutela soprattutto del proprio cliente e dei lavori commissionati.
  • Non sanno che si può e si deve stipulare un assicurazione.

Quindi se si vuole realizzare una ristrutturazione senza “pensieri” e senza “traumi” la cosa più semplice da fare è scegliere il giusto partner che ti indirizza nel raggiungimento dei seguenti obiettivi:

  1. Ottenere la ristrutturazione come la vuoi tu, nei limiti del “possibile” ma gestendo anche “l’Impossibile” per accontentarti e soddisfarti nell’estetica, nella funzionalità, nel gusto e nella sicurezza dei tuoi impianti tecnologici!
  2. Spendere il giusto!
  3. Evitare problemi durante e dopo i lavori, e nel futuro!

 

RMA srl, General Contractor delle ristrutturazioni a tutti gli effetti, ha alle spalle più di 100 ristrutturazioni, realizzate e concluse con successo con piena soddisfazione dei propri clienti. La garanzia offerta e la nostra competenza premia ogni giorno chi ci sceglie per i propri lavori e per le relative consulenze. Affidati a noi e non rimarrai deluso!